Mondomatica

Esperienze e curiosità pratiche del mondo dell'informatica


Web & app

Il tema del web & app è sempre più attuale, per motivi di opportunità di mercato e di vincoli normativi. Schermata 2021-09-19 alle 14.18.40
Per quanto riguarda le soglie per i privati relative ai 500 milioni di fatturato sono in fase di definizione i criteri di calcolo, i criteri sanzionatori e le adempienze formali. In ogni caso le caratteristiche di qualità rappresentano un vantaggio competitivo per il privato ed anche un vincolo per il settore pubblico in base alle norme vigenti: ad esempio il 23 settembre di ogni anno è una data di rilievo per il settore pubblico per quanto riguarda l'aggiornamento della dichiarazione di accessibilità inserita nel footer della Home del sito di competenza.

Quando si parla di web e app si parla anche di accessibilità e usabilità. In generale ci si riferisce alla possibilità di accesso ai comandi e contenuti informativi (ad esempio dati e documenti pdf non scannerizzati), ed alla possibilità di operare su di essi, anche da parte di persone con disabilità.

Le premesse storico-sociali-culturali e tecniche di questo interesse sono molto vaste e numerose riguardanti tra l'altro responsabilità, norme di legge e qualità.

Temi approfonditi nei corsi Mondomatica o iso25000.it sull'accessibilità
Schermata 2021-09-23 alle 11.42.46


Se si parla di usabilità, si pensa alla facilità della sequenza delle azioni da compiere per navigare sui siti, oltre che alla fruibilità dei contenuti, dati e informazioni, una volta che vengono trovati navigando. Sono due aspetti di versi: software e dati.

Tali aspetti si situano in un quadro organico di qualità le cui caratteristiche sono citate nel grafico che segue.

Oggi i concetti di qualità sono sempre più contigui e secondo l'ISO/IEC 25010, l'usabilità comprende al suo interno la stessa accessibilità. Inoltre l'accessibilità non va riferita solo al software e al web, ma anche ai dati, ai documenti che li descrivono, come previsto anche dall'ISO/IEC 25012.

Schermata 2021-07-23 alle 21.01.33

Sia per il software che per i dati l'accessibilità è una caratteristica importante che si accompagna alla usabilità della navigazione del software e alla comprensibilità dei dati e delle informazioni rese disponibili, come definito dalla serie di standard ISO/IEC 25000.

Considerazioni

Le regole italiane di accessibilità rispettano anche le raccomandazioni delle WCAG 2.1 del W3C che sono un chiaro orientamento per rendere i contenuti:
- percepibili (sottotitoli, colori, ecc.);
- operabili (tastiera, navigazione, ecc.);
- comprensibili (leggibilità, help, ecc.);
- robusti (compatibilità con tecnologie assistive, ecc.).

Le regole di usabilità/fruibilità soddisfano le caratteristiche di qualità degli standard internazionali.

La normativa italiana è tra le più mature a livello internazionale, curando sia gli aspetti tecnici che infrastrutturali e soggettivi. Di seguito si riporta una tabella che illustra come l’Italia, la Germania, la Korea del sud e gli USA hanno un alto livello di maturità disponendo sia di linee guida che di leggi per l’accessibilità del web, supportate da infrastrutture dedicate.

(e-Accessibility Policy Handbook for Persons with Disabilities)
Tabella livello maturità nazioni
ITU, G3ict, Internet&Society, 2010


Tuttavia in Italia va ancora migliorata nella pratica la prassi di come trattare in modo unificato l’approccio dell’accessibilità con quello dell’usabilità. Nello standard ISO/IEC 25010 si fa notare che l’accessibilità è una sotto-caratteristica dell’usabilità e non viceversa. Col tempo potrà forse anche maturare la consapevolezza di indicare nei siti web la zona pienamente accessibile, per tutte le disabilità, la zona accessibile solo per certe disabilità, e l’uscita dalle parti accessibili.

Visto il rapido evolversi della tecnologia e delle potenzialità della visualizzazione grafica che tende a sostituire il testo con immagini, il tema dell’accessibilità è in continuo monitoraggio tecnologico.

I decreti, le linee guida, le circolari, gli standard, le raccomandazioni sull’accessibilità, succedutisi dal 2004 al 2013, sono numerosi ed interconnessi tra loro, comunque tutti convergenti verso lo stesso scopo che è la centralità dell’utente.

Mappa delle leggi e regolamenti


Per un loro approfondimento e successivi aggiornamenti si rinvia al sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale, ove sono compresi gli ultimi aggiornamenti che riguardano importanti aspetti tecnici e organizzativi, in particolare quelle relativi alle Linee guida sull'accessibilità.

Il perseguimento del massimo livello di accessibilità e usabilità contribuisce a favorire l’e-inclusion delle persone con disabilità, l’autonomia dell’utente, la riduzione del cosiddetto “Digital divide”, cioè il divario tra i “nativi digitali” e gli “immigrati digitali”, tra i diversi strati della popolazione, tra i giovani e gli anziani, tra i Paesi sviluppati e quelli meno sviluppati.

In ogni caso gran parte delle anomalie, inutilità o degrado di un sito web si verifica in concomitanza dell’assenza di un manager responsabile della formazione, dei contenuti e degli aggiornamenti da apportare ed in mancanza di un raccordo tra l’organizzazione reale ed il sito in rete.

Un sito nuovo, appena nato, è già vecchio se non ha un “web editor” con funzioni anche di contributo al management, per essere vicino ai processi dell’organizzazione che il sito web rappresenta.

Per i termini di Privacy e Cookies si rinvia alla informativa generale di Shinystat